Ecografia a Verona

Ecografia ed Ecocolor-Doppler A Verona - Simone Perandini Dott. Simone Perandini
Specialista in Radiologia ed Ecografia
Resp. Radiologia presso MediClinic (PD)

PRENOTAZIONI: 045-8204750 đź“ž

Studio Doppler dei tronchi sovra-aortici (TSA)

Lo studio ecografico e Doppler (ecocolor-Doppler) dei tronchi sovra-aortici (TSA) è l’esame della perfusione sanguigna dei vasi del collo, comprendente le vene giugulari, le arterie carotidi e le arterie vertebrali. Si tratta di un esame non invasivo e non doloroso mediante il quale è possibile evidenziare eventuali problematiche che possono portare a conseguenze serie come l’ictus cerebrale.

Questo esame è indicato nei Pazienti che soffrono di malattie metaboliche come l’iperlipidemia (colesterolo o trigliceridi alti), nei Pazienti fumatori, nei Pazienti diabetici e nei Pazienti anziani con fattori di rischio cardiovascolare.

L’eccessiva quantità di grassi nel sangue, il fumo ed il diabete sono considerati fattori che promuovano la deposizione di materiale lungo le pareti delle carotidi, creando le note “placche”, ovvero degli accumuli di detriti che restringono il lume del vaso fino a farlo chiudere. E’ inoltre possibile che queste “placche” si sgretolino sotto la pressione del sangue, creando dei piccoli emboli che possono risultare in infarti cerebrali di varia importanza. Per questo motivo è vivamente consigliato controllare lo stato delle proprie carotidi, per lo meno in presenza di fattori di rischio o familiarità.

La stenosi carotidea spesso non da sintomi perchè l’accumulo dei detriti è estremamente lento.

L’indagine ecocolor-Doppler dei TSA comprende lo studio delle vene giugulari, dell’arteria carotide comune, dell’arteria carotide interna, dell’arteria carotide esterna, dell’arteria vertebrale e dell’origine delle arterie succlavie.

Gli indici misurati comunemente comprendono la velocità del sangue (PSV - peak systolic value), la morfologia del profilo flussimetrico, la percentuale di stenosi mediante metodo ECST o NASCET, le dimensioni e la composizione della “placca”, infine l'IMT (intima-media thickness, ovvero lo spessore di parete).

Le patologie che più comunemente interessano le arterie carotidi sono la stenosi (ovvero la riduzione del lume del vaso, obliterato parzialmente da materiale trombotico o ateromasico), l’occlusione (la “chiusura” completa del vaso) e l’aneurisma (ovvero la dilatazione anomala del vaso).

Tra le possibili terapie vanno citate le modifiche comportamentali (dieta, attività fisica), l’angioplastica (il palloncino), lo stenting arterioso (il posizionamento di una gabbia metallica per mantenere aperto il vaso) e la tromboendoarteriectomia (TEA) chirurgica.

Prenotazioni senza impegnativa e in tempi rapidi

Per prenotazioni ed informazioni premere il pulsante azzurro in alto AMBULATORI E PRENOTAZIONI.

Simoneperandini.com (C) 1999-2022 - v44
Le informazioni contenute in questo sito hanno valore generico, e non costituiscono una prescrizione medica.
Per ricevere diagnosi e terapia personali è necessario un consulto individuale.